Breaking History
La Community degli Amanti della Storia creata da Francesco Folloni

Le teorie del complotto sono come le ciliegie, una tira l’altra

Si passa velocemente dai misteri della piramide di Kheope alla teoria degli antichi astronauti

0

Quando pensiamo alle teorie del complotto la mente rimanda immediatamente a rettiliani, alieni, nuovo ordine mondiale, terra piatta e altre stupidaggini del genere. Eppure nessuno ragiona sul fatto che chi crede ad una teoria del complotto non crede solo a quella, ma mette dentro a quella teoria tutto il resto, come se alla fine queste teorie fossero una sola.

Facciamo un esempio pratico: se pensi che la piramide di Kheope non sia effettivamente di Kheope, ecco che credi che in realtà non lo sappiamo perché era più antica e allora scopri su internet lo Zed, che giustificherebbe il diluvio universale, che avrebbe inabissato Atlantide, costruita probabilmente da antichi astronauti, che oggi sarebbero al comando del mondo, e lo controllerebbero attraverso la massoneria e il complotto giudaico, perché in realtà quella che stiamo vivendo è una realtà creata apposta per tenerci all’oscuro di tutto. E così parti da una piramide e arrivi a Matrix.

Vi siete mai chiesti perché succede questo? Beh io una risposta ce l’avrei, e infatti credo che questo complotto del complotto del complotto non sia altro che un metodo attraverso il quale i complottisti cercano di giustificare la o le proprie teorie. Peccato che quelle teorie non hanno alcun fondamento storico e allora cercano una teoria complottista che giustifichi quella di partenza. E alla fine la sparano sempre più grossa, più grossa, ancora più grossa finché non l’avranno detta così grande che neanche loro ci crederanno e penseranno di essere arrivati a quelle conclusioni perchè è stato il sistema a farglielo pensare.

 

 

Queste e altre curiosità storiche nel libro Breaking History

Disponibile in FORMATO EBOOK su Amazon a 1,99 euro

Oppure in FORMATO CARTACEO a 13,50 euro

Un libro che smonta teorie del complotto, falsi miti della storia e leggende metropolitane, per capire chi le ha inventate, perché vengono sostenute e come possano essere smontate. Un viaggio tra le fake news che sono state create e diffuse dall’antichità ai giorni d’oggi. Un libro altamente sconsigliato a terrapiattisti, teorici degli antichi astronauti, sostenitori dei rettiliani, complottari del Nuovo Ordine Mondiale, cristofobici, seguaci di religioni Alien Friendly o di Zeitgeist.

Leave A Reply

Your email address will not be published.