Breaking History
La Community degli Amanti della Storia creata da Francesco Folloni

Chi ha inventato i Like (Mi Piace)? Dall’Antica Roma a Facebook

Un viaggio dall'Antica Roma a Facebook, passando per gli errori del film Il Gladiatore

0

Caro Mark oggi ci occupiamo di te. Per tutti quelli che hanno sparso “mi piace” a raffica su Facebook a ogni ragazza in bacheca che non fosse un roito per sperare in una serata intima e alla fine sono riusciti ad uscirci, il grazie non va a Mark Zuckerberg. Perchè Facebook non ha inventato il “mi piace”, l’ha solo copiato. Bella idea Fra, da domani bannato da Instagram. Se vi chiedo di pensare al pollice in un su fuori da Facebook tutti a citarmi il film “Il Gladiatore”. Dove Russel Crowe ammazza a destra e a manca e prende più like di un selfie di Belen Rodriguez in pigiama. Peccatoz nell’antica Roma non avremmo mai visto una scena del genere. Infatti, quando Ridley Scott era in cerca di un segno memorabile da usare nel suo Colosseo, si imbattè a quanto pare nel quadro di Jean Leon Gerome intitolato “Pollice Verso”, che raffigurava appunto un gladiatore e le sacerdotesse che gli salvavano la vita con il pollice all’insù. Eppure neppure il nostro Leon si è attenuto alla storia perché prese spunto a sua volta da una frase latina di Prudezio che parla di “convertere” il pollice, cioè voltarlo. Ma non si capisce se in sù o in giù. E allora si è data una spiegazione. I romani non usavano il pollice in sù o in giù, ma se volevano far uccidere il gladiatore avevano il pollice fuori perché era la spada fuori dal contenitore, se invece lo volevano salvare stringevano il pollice nel palmo della mano. Perciò ora che sapete questo, vi invito a mettere tanti pollici in sù o cuori o quel che volete per questo video.
 

Queste e altre curiosità storiche nel libro Breaking History

Disponibile in FORMATO EBOOK su Amazon a 1,99 euro

Oppure in FORMATO CARTACEO a 13,50 euro

Un libro che smonta teorie del complotto, falsi miti della storia e leggende metropolitane, per capire chi le ha inventate, perché vengono sostenute e come possano essere smontate. Un viaggio tra le fake news che sono state create e diffuse dall’antichità ai giorni d’oggi. Un libro altamente sconsigliato a terrapiattisti, teorici degli antichi astronauti, sostenitori dei rettiliani, complottari del Nuovo Ordine Mondiale, cristofobici, seguaci di religioni Alien Friendly o di Zeitgeist.

Leave A Reply

Your email address will not be published.